Blog: http://ilnarratore.ilcannocchiale.it

EUGENIO MONTALE DA ATEO A CREDENTE

Annalisa Cima legata da affettuosa amicizia con Eugenio Montale, nel suo Diario

postumo, sottotitolo Tredici anni di amicizia con Eugenio Montale, pubblicato da Ares, rivela aspetti inediti  inerenti alla vita privata del Poeta, che si presentava meno burbero di come si diceva, incline allo scherzo, affettuoso. Oltre ai comportamenti messi in evidenza, diventa anche preziosa la prefazione, al Diario, del critico letterario Cesare Cavalleri, il quale traccia, con una puntuale analisi, il percorso di conversione del Poeta da ateo a credente e al ruolo svolto dalla stessa Cima.

   Tra le altre testimonianze riportate, colpisce il racconto del cappellano della clinica San Pio X dove Montale in fin di vita volle recitare il rosario per spegnersi cristianamente. Era il 12 novembre 1981.  

 

Pubblicato il 1/9/2012 alle 12.15 nella rubrica cultura.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web